Percorso: News
Italiano
lunedì, 24. luglio 2017
03.07.2017 10:25 Età: 22 Giorni

Corso di aggiornamento esperti e formazione nuovi giudici, considerazioni e ringraziamenti

Categoria: Eventi

 

Si è svolto con successo il Corso di aggiornamento esperti e formazione nuovi giudici organizzato dall’ANAM lo scorso fine settimana. Con un programma articolato, adatto sia all’aggiornamento di esperti già operanti che alla formazione di appassionati desiderosi di imparare le basi, tutto il gruppo si è sottoposto con attenzione e diligenza a due giornate impegnative, fatte di lezioni teoriche e pratiche. Ospiti il venerdì dell’Azienda Pietriccio Rosso, a Manciano in Toscana, e il sabato dell’Agriturismo Re Tarquinio a Tuscania, nel Lazio, abbiamo toccato le due terre maggiormente coinvolte nell’allevamento del cavallo maremmano, ma ci ha fatto piacere che gli aspiranti giudici venissero da tante parti d’Italia, a riprova dell’interesse cha la razza riscuote e dell’appropriatezza del nostro progetto.

Il venerdì si è aperto con la presentazione della Presidente Ilaria Aldi, che ha accolto gli iscritti con un discorso appassionato sulle intenzioni dell’ANAM, che hanno spinto il Comitato Direttivo ad appoggiare questo progetto.

Sotto la supervisione di Ugo Marcocci, già presidente ANAM, attuale vicepresidente, veterinario ed esperto da tempo immemorabile, si sono approfonditi quindi i temi di maggiore rilevanza, quali la zoognostica del cavallo, i difetti degli appiombi e le tare, argomenti trattati dal Professor Silvestrelli, consulente scientifico dell’ANAM da più di venti anni. Sempre dall’Università di Perugia, ma maremmano oramai di adozione, il Dr. Andrea Giontella ha parlato della caratterizzazione genetica e fenotipica. Paola Tonelli ha spiegato come si raccolgono i dati segnaletici e come si classificano i mantelli. Più in generale, la direttrice ha illustrato l’attività istituzionale dell’Associazione e la partecipazione al PSRN (Piano di Sviluppo Rurale Nazionale) quale opportunità per continuare un lavoro di valore ed autonomo. Questo bando, nella Misura 10.2 – Biodiversità, si impone attualmente come unica risorsa per il mondo allevatoriale nel suo complesso, ne  indirizza il cammino verso contenuti innovativi e lo stimola ad acquisire nuove metodologie di lavoro.

La prima giornata si è conclusa con la compilazione delle varie schede in uso (la prima identificativa, da fattrice e da mostra) con esercitazione pratica sui cavalli presenti in azienda. Questa sessione è stata curata direttamente dal Dr. Marcocci, coadiuvato, nella parte pratica, dagli ispettori Emiliani, Cotto e Rizzi.

La seconda giornata, svoltasi come detto presso l’Azienda di Massimo Nassi, è stata impegnata dalle prove d’esame, una teorica ed una pratica. Nella parte teorica i 18 esaminandi hanno dovuto rispondere a domande sugli argomenti trattati il giorno precedente; nella parte pratica hanno invece dovuto compilare una scheda di identificazione, una lineare e una morfologica. La commissione d’esame, composta da Tonelli, Aldi e Silvestrelli, segretario Menchetti, le ha sottoposte al confronto con quelle redatte dai tre giudici Emiliani, Cotto e Rizzi. Nel tentativo di rendere l’esperienza più formativa possibile, i candidati sono stati richiamati uno ad uno per un commento sul lavoro svolto, per capire bene gli errori ed anche i punti di forza.

Come si vede, il progetto del Corso, ideato in primis da Marcocci, ha inteso non solo dare una preparazione di base ed esaustiva agli iscritti, ma anche rendere subito concreto quanto appreso.

Il lavoro degli esperti sarà di sottoporre i cavalli ad un giudizio basato sulla valutazione positiva delle qualità morfologiche e funzionali, tenendo bene in mente le caratteristiche di razza che andranno premiate; allo stesso tempo, dovranno notare e sanzionare le tare e i difetti, più o meno evidenti, che possano compromettere l’atleticità del cavallo o la sua tipicità. E’ necessario quindi entrare subito nel ring e macinare esperienza.

I risultati degli esami sono stati più che soddisfacenti e, pur con esiti di maggiore o minore brillantezza, hanno ottenuto tutti la promozione. Questo non perché fosse nei propositi degli organizzatori fare una prova di facciata o troppo facile, ma perché effettivamente gli esaminandi si sono dimostrati attenti, partecipi e ricettivi, soddisfacendo in pieno l’intento dell’ANAM, cioè di rinnovare, dare nuova linfa a questo importante Corpo dell’ Associazione. Nel complimentarci con tutti, ci fa piacere nominare coloro che hanno ottenuto i migliori risultati, Eleonora Peri, Annamaria Moretti e Simone Tenucci.

Vogliamo ringraziarli e confidiamo che anche per loro si sia trattato di un’esperienza interessante, oltre che divertente ed utile a fare gruppo.

Un ringraziamento a tutti i docenti: il professor Silvestrelli, senza di lui l’ANAM non sarebbe la stessa; il Dr. Giontella, che ancora una volta ha spiegato con chiarezza una materia non intuitiva quale il funzionamento degli indici genetici; il Dr. Marcocci, sempre appassionante e a suo agio; la direttrice Paola Tonelli, che porta la sua competenza di tanti anni di lavoro. Grazie anche alla segreteria volante dell’Anam, Paolo Menchetti, efficiente e gentile come sanno bene tutti i nostri allevatori. E grazie anche a chi va in giro per aziende e mostre, contribuendo all’importante lavoro di selezione genetica e sopportando le critiche, più numerose del necessario, di chi non accetta con serenità il giudizio (si sa, ogni cavallo e bell’ a mamma soja…), Laura Emiliani, Luigi Cotto e Paolo Rizzi.

Last but not least, Ilaria Aldi e Massimo Nassi, presidente e consigliere ANAM, e, in questa occasione, ottimi padroni di casa, attenti alle esigenze di tutti, organizzati e curati nei dettagli. Se questa due giorni si è rivelata una bella esperienza, lo dobbiamo anche a loro e alle magnifiche aziende ospitanti, che hanno ricordato a tutti, casomai ce ne fosse bisogno, perché amiamo questa razza.

 


 

PEC: anam@pec.anamcavallomaremmano.com