Percorso: News
Italiano
mercoledì, 30. settembre 2020
15.01.2020 06:28 Età: 259 Giorni

QUALCHE SPIEGAZIONE SUI NOSTRI STALLONI …

Categoria: Eventi

 

Cari allevatori e proprietari di cavalli maremmani, come sapete le novità riguardanti il Disciplinare e lo Statuto dell’ANAM sono state numerose e importanti, e meritano alcuni approfondimenti, oltre al necessario rodaggio.

Una delle principali riguarda la possibilità, resasi obbligatoria dal recepimento di una norma europea, di utilizzare qualunque cavallo iscritto al L.G. come riproduttore. Dobbiamo quindi ottemperare a questa direttiva e allo stesso tempo, come Ente Selezionatore ed anche semplicemente per accompagnare la nostra razza nel futuro, abbiamo il diritto/dovere di mantenere una funzione selezionatrice e di miglioramento genetico. Quindi, seppur possibile utilizzare qualunque maschio, anche il peggiore, come stallone, l’ANAM ha individuato e deciso, all’interno del suo Organo specifico che è la Commissione Tecnica Centrale, un programma di selezione genetica, approvato successivamente dal MIPAAFT.

Le specifiche sia del nuovo disciplinare che del programma genetico sono pubblicate sul nostro sito, ma volendo in questo breve articolo sintetizzare i concetti principali, possiamo dire che esistono tre tipologie di stalloni divisi in tre classi, A, B e C. e che anche per il futuro l’elemento principale di selezione sarà offerto dalla partecipazione ai Perfomance Test.

Gli stalloni A sono quelli che hanno superato e che supereranno positivamente il Perfomance Test (punteggio finale superiore a 500, soglia indicata ad oggi dalla CTC), quindi tutti i maschi precedentemente indicati come stalloni approvati rientrano in questa classe. Sono morfologicamente idonei, sani e superiori alla media del loro Performance. La partecipazione al PT è obbligatoria per rientrare in questa classe. Si può essere stalloni in classe A solo se figli di stallone A o B.

Gli stalloni di Classe B sono quelli testati, che superino positivamente sia la prova morfologica che quella sanitaria ma che ottengano un punteggio finale inferiore a 500. Sono quindi morfologicamente idonei, sani ma non approvati nei loro Performance. Oppure sono quelli non testati ma che superino la visita morfologica e le prove sanitarie in azienda o in appositi raduni (anche pretestaggi a due anni); il percorso è a carico del proprietario e deve essere attivato tramite apposita richiesta da inoltrare in ufficio. Si può essere stalloni in classe B solo se figli di stallone A o B.

Gli stalloni in classe C sono tutti gli altri, cioè coloro che fanno il testaggio senza superare o la prova morfologica o le prove sanitarie, e tutti coloro che non siano mai visti. In pratica, possono essere brutti, non sani o sconosciuti.

Scusate la semplificazione forse eccessiva, ma così rimane in mente.

Eliminati dalla riproduzione rimangono i maschi sauri e quelli esclusi per incompatibilità genetica dimostrata con uno o con entrambi i genitori dichiarati.

Per ogni cavallo utilizzato, sia A, B o C, è richiesta la tipizzazione del DNA e la ricerca della compatibilità paterna e materna; per ogni riproduttore utilizzato il gestore deve rilasciare il CIF.

Per questi motivi, vi chiediamo di comunicare all’ufficio se i vostri maschi, fino ad oggi non utilizzabili come riproduttori, siano stati nel frattempo castrati, se invece siano ancora interi e l’eventuale intenzione di usarli. In pratica, iniziamo a costituire un registro degli stalloni di classe B e C.

L’iscrizione gratuita al repertorio degli stalloni è fortemente consigliata per fare chiarezza sia per noi, per lavorare meglio, ma soprattutto per voi, perché siano chiare le condizioni presenti e future dell’utilizzo dei vari stalloni.

Infatti, quali sono le differenze principali se decido di utilizzare uno stallone A,B o C?

Oltre a quelle lampanti di qualità del soggetto, ve ne sono altre da tenere presenti.

  • Solamente gli stalloni di classe A possono lavorare in fecondazione artificiale e sono riconosciuti dal MIPAAFT.
  • I figli di stallone A e di fattrice E avranno la dicitura “Maremmano selezionato” sul passaporto e un “bonus” genetico nel momento in cui partecipassero al Perfomance Test. In pratica, il loro valore genetico (figlio di stallone A e fattrice E) avrà un peso nelle valutazioni finali.
  • I figli degli stalloni A e B avranno un passaporto blu scontato nel prezzo, i figli degli stalloni C avranno un passaporto dalla copertina grigia e dal prezzo pieno.
  • I figli degli stalloni C (con qualunque fattrice) non potranno partecipare al PT né mai risalire alle classi superiori.

Queste le direttive principali, aspettiamo le vostre comunicazioni che speriamo sollecite, così da arrivare alla prossima imminente stagione di monta con un panorama quanto più chiaro. Se avete un soggetto che può essere utilizzato come B o C, vi chiediamo di comunicarcelo quanto prima, preoccupandovi anche della sua tipizzazione genetica (potrebbe esserne privo). Comunicateci anche le castrazioni, così da eliminare il soggetto dal quadro dei possibili stalloni. Precisiamo che mentre le novità appena illustrate sono già operanti, i prezzi differenziati in base alle differenti genealogie entreranno in vigore dai puledri nati 2021.

… E QUALCHE SPIEGAZIONE SULLE NOSTRE FATTRICI

Passiamo ora alle femmine iscritte al nostro L.G.. Anche per loro ci sono novità, meno sostanziali ma che meritano una attenta disamina.

Allora, le fattrici continueranno ad essere valutate sia con scheda lineare negli appositi raduni o in azienda da esperti di razza incaricati dall’ufficio ANAM., sia tramite la partecipazione ai Performance Test, da sostenere all’età di 3 anni come i maschi.

E’ prevista la divisione in tre categorie, E, T e C.

Le fattrici in categoria E sono quelle che superano positivamente le prove morfologiche e sanitarie del PT e si collocano, nelle valutazioni finali, sopra la media. Sono quindi quelle che un tempo venivano chiamate d’elite. Sono morfologicamente idonee, sane e sopra la media. Si accede alla categoria E esclusivamente con la partecipazione al PT.

Le fattrici in categoria T possono aver percorso due vie: o hanno partecipato al PT, superando le prove morfologiche e sanitarie ma risultando sotto la media nelle valutazioni finali, oppure sono state valutate in azienda o nei raduni e hanno avuto una scheda lineare con punteggio Buono o Ottimo.

Le fattrici in categoria C sono quelle che hanno una scheda lineare con punteggio Sufficiente o Discreto, oppure quelle che hanno partecipato al PT senza superare le prove sanitarie, oppure quelle mai viste.

Per i figli si prospettano queste principali differenze:

  • I puledri figli di fattrice E e di stallone A avranno la dicitura “Maremmano selezionato” sul passaporto; se poi partecipassero al Performance Test, il loro valore genetico sarà riconosciuto tramite un bonus, un punteggio aggiuntivo che avrà il suo peso nelle valutazioni finali.
  • Mentre i figli di stallone C rimarranno in classe C pur se la madre fosse E o T, in caso contrario è previsto che si possa risalire di classe, cioè i figli di fattrice C coperta da stallone A o B avranno il passaporto blu a prezzo scontato e potranno fare il PT.

Rimangono escluse dalla riproduzione le fattrici dal mantello pezzato e quelle radiate per incompatibilità genetica dimostrata con uno o con entrambi i genitori dichiarati.

Le differenze di valore dei vari soggetti sono evidenti, speriamo che, per una corretta gestione della razza e valorizzazione genetica, le scelte degli allevatori si indirizzino verso quei riproduttori la cui qualità è “certificata” dall’aver sostenuto valutazioni ed esami sanitari.

Per leggere il disciplinare e il programma genetico, clicca qui.


 

PEC: anam@pec.anamcavallomaremmano.com